lunedì 21 gennaio 2013

Pink city


Eccomi di ritorno dall’India! quest’anno, come sapete, sono stata in Rajasthan, uno degli stati più sviluppati dal punto di vista turistico...
Le prime immagini che vi propongo sono quelle di una Jaipur (la capitale) meravigliosamente rosata, così come vuole la tradizione di questa “pink city” molto famosa.


La città è stata progettata e costruita nel 1727, durante il regno di Sawai Jai Singh II, un re con grandi ambizioni, interessi in diversi campi della conoscenza ed eccellenti capacità di governo.
Non per niente Aurangzeb, imperatore Moghul che controllava politicamente molti dei regni rajput di queste terre, gli conferì il titolo di “Sawai”, ovvero “uno e un quarto”, perchè riteneva che fosse superiore agli altri sovrani a lui contemporanei.

Salì al trono a 11 anni, quando la capitale del regno Kachwaha era ancora Amber - sulle colline alle spalle di Jaipur - e regnò tra guerre di confine, intrighi di palazzo, matrimoni con principesse rajput, campagne di conquista e una grande attività di costruzione della nuova capitale, fino al 1743.

Avrò modo di parlare ancora di questo grande re, per ora guardate alcuni scorci di questa bella città, tutti sulle tonalità del rosa-terracotta.

A proposito, il motivo per cui il centro è tutto declinato in queste tonalità (anche oggi, quando si restaura un edificio, lo si deve dipingere con questi colori) è che i palazzi più importanti furono costruiti in arenaria rossa, in omaggio alla tradizione architettonica dei conquistatori Moghul.
Da quel momento, anche gli edifici minori, realizzati in mattoni intonacati, dovevano imitare l’arenaria, per omogeneità estetica del centro città.


8 commenti:

Sonia.namaste Namaste ha detto...

Il Rajastan è uno degli stati che più ho amato in India. Ben tornata cara. Grazie per le belle immagini

Elisa Chiodarelli ha detto...

ciao carissima! grazie a te che sei passata di qua. Che bello il Rajasthan, e mi sono rimaste ancora così tante cose da fare... mi toccherà tornare!

Nela San ha detto...

Bentornata! Aspettiamo con trepidazione e curiosità i prossimi post su questa tua bella esperienza.
Bye&besos
PS Peccato non esser potuta venire.

Sonia.namaste Namaste ha detto...

Eh...quando si deve si deve...
Farai questo sacrificio!:)

Elisa Chiodarelli ha detto...

ciao cara Nela!
grazie del bentornata, penso di aver raccolto un bel po' di cose da raccontarvi...
Bacioni!
:-)

Silvia Merialdo ha detto...

Bentornata!
Bellissime le tue foto della città rossa!
Jaipur è stata la prima città in India che ho visitato nella mia vita, quindi ho ricordi bellissimi, e le tue foto mi hanno fatto venire nostalgia... mi sa che toccherà tornarci anche a me! :-)

Silvia Merialdo ha detto...

... rosa, non rossa!

Elisa Chiodarelli ha detto...

ciao Silvia!
si, in effetti è proprio terracotta rosato, più rossa che rosa, ma forse faceva più figo dire pink, quindi ci adeguiamo...
sì, a me Jaipur è piaciuta tanto, anche se in centro c'è un bel po' di traffico e di smog, come in tante altre città. Però è piacevole andare in giro nelle strade, tra i bazar, dentro le mura. Ricorda un po' le nostre città, forse anche un po' Bologna, perché no?
In fondo il colore è lo stesso, e alle spalle della città c'è pure San Luca...ehm, no volevo dire Amber!
:-)
Bacioni!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...